Comunicazione Aziendale e remote work: come ripartire con grandi risultati

A Settembre il lavoro è tornato a occupare le nostre giornate e la comunicazione aziendale è la leva principale per superare i limiti previsti dall’emergenza Coronavirus. 

 

Nei primi mesi della pandemia mondiale le organizzazioni di tutto il mondo si sono ritrovate in una condizione di incertezza che ha reso difficile l’individuazione della strada migliore da percorrere.

I dipendenti hanno affrontato momenti di adattamento e riorganizzazione che hanno inciso sulle loro prospettive professionali oltre che sullo stato psicologico e sulle performance.

All'inizio della pandemia i leader si sono mossi prontamente per informare i dipendenti, fidelizzare i clienti e garantire la continuità del lavoro.

 

Per molte persone, il datore di lavoro ha rappresentato la principale fonte di stabilità durante un periodo di incertezza cronica. Nei primi mesi frenetici della pandemia i dipendenti hanno visto i loro diretti responsabili come la fonte di informazioni più affidabile.

 

Gli ultimi dati di Gallup ci indicano tuttavia che il protrarsi della pandemia sta causando una falla nella comunicazione aziendale e un calo di attenzione verso le esigenze dei dipendenti.

Gallup Comunicazione aziendale indagine hr covid19

Il report ci mostra come in poche settimane si siano indebolite le vie di comunicazione tra le aziende e i collaboratori. Molti degli intervistati temono che il loro impegno non venga riconosciuto a causa della mancanza di una comunicazione diretta con i loro responsabili.

leadership covid19 remore work gallup report

Questi dati ci indicano che bisogna agire prontamente perché se i collaboratori  sono poco supportati, informati e non allineati con l’organizzazione esiste il reale pericolo di un abbassamento delle prestazioni e dell’engagement.

 

Una comunicazione chiara e costante è fondamentale per supportare le persone a credere nel futuro.

 

La comunicazione circolare, la continuità relazionale e la possibilità di rimanere protesi verso uno scopo condiviso sono le condizioni che ogni organizzazione è chiamata a garantire a clienti e collaboratori. Qui alcuni consigli per trasformare la ripresa in un’occasione di evoluzione nella quale la comunicazione gioca un ruolo chiave:

1. Conoscere la condizione psicologica dei dipendenti.

Una buona ripresa su larga scala richiede un’analisi dello stato psicologico e delle preoccupazioni pratiche. Alcune persone saranno entusiaste di tornare al lavoro, altre saranno ansiose o demotivate e avranno bisogno di più tempo per riprendere i ritmi di lavoro.

2.  Rivedere la comunicazione.

Riconoscere e affrontare ciò che in passato non ha funzionato nella comunicazione è il primo passo per dimostrare ai dipendenti la volontà di migliorare e rinnovarsi. Investire sulla comunicazione ha un impatto positivo e esponenziale sulla reputazione dell’azienda sia come datore di lavoro che come brand.

3 Promuovere una cultura highly connected.

Essere connessi con la realtà e con ogni persona coinvolta nell’ecosistema aziendale coincide con la capacità dell’azienda di progredire anche in periodi di incertezza sociale e economica.

L’ecosistema aziendale non è più raffigurabile in un organigramma formale dove ogni individuo è blindato nel suo ruolo e ogni team è strutturato come un silos funzionale: il modello Organisational  Network   Coevolution Analysis ci mostra che la rete delle relazioni fornisce delle ottime informazioni su come migliorare la governance aziendale.

Questo modello aiuta i leader a ridimensionare la tendenza a ritirarsi nelle loro task force per prendere decisioni chiave. La bontà del loro potere decisionale dipenderà da come e da quanto daranno voce ai collaboratori nei momenti in cui sarà necessario progettare delle strategie il cui esito dipenderà dall’impegno degli stessi dipendenti.

 

di Rosanna Del Noce

Advisor & Trainer

 

Stiamo elaborando la tua richiesta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *